HOME   Calcio Mondiali 2010
Notizie Sportive
Calcio Calciomercato Formula 1 Moto Basket Tennis Ciclismo Nuoto Rugby Pallavolo Altri Sport Poker Rss
Loew: "Prova da campioni" Ma pensa al vice Muller
 Leggi i commenti :: Commenta la notizia


CITTA' DEL CAPO - Si è presentata ai Mondiali con un profilo basso, in sordina, però ora la Germania non ha nessuna intenzione di nascondersi. Lo show nei quarti di finale, con i 4 gol rifilati all'Argentina, ha regalato ulteriori certezze al ct Joachim Loew, che si avvicina senza paura alla semifinale in programma mercoledì contro la Spagna campione d'Europa. "La squadra ha dimostrato una voglia di vincere che non è solo di livello mondiale. E' da campioni  -  sottolinea il selezionatore tedesco in un'intervista all'agenzia Dpa, analizzando la prestazione fornita ieri contro la seleccion allenata da Diego Armando Maradona -. La squadra ha giocato con un'ambizione incredibile, il ritmo imposto nel secondo tempo è stato assolutamente straordinario".

MATCH PREPARATO ALLA PERFEZIONE - Un sonoro successo frutto anche dell'accurata preparazione tattica del match. "Avevamo studiato l'Argentina, sapevamo con quale formazione avrebbe giocato. Sapevamo che Messi sarebbe rientrato molto  -  spiega Loew -. E' un ottimo suggeritore, ma noi abbiamo fatto un buon lavoro tenendolo fuori dal gioco. Lo abbiamo messo sotto pressione senza commettere falli. Abbiamo praticamente cancellato Messi, Higuain e Tevez. E' positivo quando si vince 4-0, in maniera assolutamente netta, contro una nazionale di livello assoluto come l'Argentina. Abbiamo sofferto un po' all'inizio della ripresa, ma tutti hanno fatto un lavoro strepitoso difendendo e coprendo ampie zone del campo". Il confine tra i meriti della Germania e i demeriti dell'Argentina è comunque sfumato. "In difesa l'Argentina ha elementi di grande esperienza come Heinze e Demichelis. La squadra, però, è divisa in due  -  evidenzia il ct della Germania -. Nelle precedenti gare dei Mondiali abbiamo visto che possono contare su ottimi attaccanti. Quattro o cinque giocatori, però, non tornano per coprire e non sempre difendono. Si creano spazi e ai miei giocatori ho detto: siete più giovani, siete più veloci, avete più energie".

CHI SOSTITUIRA' MULLER? -
In semifinale, però, la Germania dovrà rinunciare a Thomas Muller. L'attaccante del Bayern Monaco è uno degli indiscussi protagonisti dei Mondiali, di cui è sicuramente la principale rivelazione. "La sua assenza è un duro colpo  -  ammette Loew -. Thomas Muller ha dimostrato quanto sia pericoloso in zona gol. E' stato ammonito per un fallo di mano che non meritava una simile sanzione. Abbiamo comunque gli uomini per sostituirlo". Sin qui in Sudafrica ogni volta che Muller ha lasciato il campo, tra il 70' e l'80', al suo posto è entrato Piotr Trochowski. Il 26enne centrocampista offensivo dell'Amburgo, nato in Polonia come Klose e Podolski, non è un debuttante con 34 gettoni di presenza in Nazionale. Ma se eccelle nei dribbling e nei cambi di ritmo, Trochowski, cresciuto nel Bayern, non ha certo la presenza fisica di Muller. L'altra opzione consiste invece nello schierare Toni Kroos, 20 anni, altro talento del football tedesco, che ha fatto sin qui due apparizioni dopo l'esordio nella rassegna iridata. Dopo esser stato prestato dal Bayern Monaco al Bayer Leverkusen, Kroos, nel 2007 miglior giocatore del Mondiale under 17, ha acquisito spessore e lo stesso Joachim Loew ha spesso elogiato le sue qualità tecniche e la visione di gioco. Qualunque sia la soluzione che adotterà il ct, Miroslav Klose non è preoccupato. "In questo gruppo ci sono giocatori capaci di compensare l'assenza di Muller  -  afferma il bomber della Germania  -  e lo dimostreremo nel prossimo match".

KLOSE LANCIA LA SFIDA -
La sfida di Durban è la riproposizione della finale dell'Europeo 2008 quando le Furie Rosse s'imposero 1-0 conquistando il titolo. "Non si possono fare confronti  -  afferma Klose parlando alla stampa nel ritiro di Erasmia -. La Germania oggi è un'altra squadra, con altri giocatori che si sono aggiunti a noi, giocatori giovani e di talento che ci hanno dato una nuova spinta. In termini di qualità degli effettivi siamo meglio di due anni fa. Certo, qualcosa è cambiato anche per la Spagna, che resta una formazione straordinaria, che gioca un calcio eccezionale e con un attaccante super come David Villa. La Spagna è sicuramente più forte di Argentina e Inghilterra, ma la partita con il Paraguay ha mostrato che gli uomini di Del Bosque non sono invincibili. Dobbiamo analizzare a fondo le loro ultime gare per trovare le lacune e sfruttarle a dovere".

LA SCELTA -
Klose (52 reti in 100 presenze in Nazionale) è diventato il secondo miglior marcatore della storia del mondiale con 14 centri, uno in meno del brasiliano Ronaldo. "Spero che Ronaldo non abbia paura di me... Abbiamo parlato del record dopo la finale del 2002  -  racconta l'attaccante tedesco, a segno cinque volte nelle due precedenti edizioni della Coppa del Mondo  -  e allora non pensavo certo che mi sarei ritrovato in questa situazione. Con due gol posso superarlo, è incredibile. Ma se devo scegliere, preferisco diventare campione del mondo più che sorpassare il brasiliano".

KHEDIRA IN FORSE -
Mercoledì, tuttavia, i 'panzer' rischiano di dover rinunciare anche a Sami Khedira. Il centrocampista oggi non si è allenato per un problema muscolare. Contro la Spagna, invece, ci sarà il monumentale Bastian Schweinsteiger. A 25 anni, il centrocampista sembra aver fatto il definitivo salto di qualità. "Contro l'Argentina ha coperto, ha cucito il gioco, ha organizzato la manovra e ha avuto le energie per andare sempre in attacco. Guardate cosa ha fatto nell'azione del gol di Friedrich: meglio di così, non si può", il giudizio del commissario tecnico. Il quale ora ha prima di tutto il compito di far rimanere i suoi con i piedi per terra. "Adesso non bisogna farsi trascinare dall'entusiasmo, ma non ho l'impressione che questo stia accadendo. Certo, c'è molta gioia nello spogliatoio. I giocatori, però, stanno già guardando avanti. Siamo tra le migliori quattro squadre del mondo, come è giusto che sia. Adesso abbiamo la chance di arrivare in finale: è importante raccogliere le energie  -  conclude Loew  -  e rimanere concentrati".

IL PREMIO -
La vittoria contro l'Argentina vale a ciascun giocatore della Germania un bonus di 100mila euro. Se mercoledì la squadra di Loew riuscirà a superare anche l'ostacolo Spagna e a raggiungere la finale, il premio riconosciuto dalla federcalcio tedesca a ciascuno dei 23 giocatori aumenterà fino a 150mila euro. Il premio in caso di vittoria al Mondiale è invece fissato in 250mila euro a giocatore. La Fifa pagherà un premio di 15 milioni di euro a ciascuna semifinalista della rassegna iridata sudafricana, 16,5 milioni alla finalista e 20,5 milioni alla nazionale campione del mondo.


Fonte: (Repubblica.it)

 I commenti dei Lettori

Non ci sono Commenti, scrivi il primo.



Nome
Commento
Inserire il risultato della somma visualizzata nell'immagine a sinistra.



 Altri Articoli
 







  Ultimo Video Inserito
Italia - Paraguay 1-1
Altri video...

  Tieniti sempre aggiornato sul Calcio Mondiali 2010
Notizie sul Calcio Mondiali 2010
Imposta come Home Page
Aggiungi ai Preferiti



  Eventi Sportivi in Streaming

 Site map:  Notizie Sportive | Atletica | Calcio | Risultati Calcio | 90 Minuto | Pronostici | Basket | Formula 1 | Ciclismo | Baseball | Boxe | Golf | Hockey | Ippica | Moto | Pallavolo | Pallanuoto |
                    Vela | Nuoto | Wrestling | Calciomercato | Champions League | Coppa UEFA | Olimpiadi 2008 | Giro d'Italia | Rugby | Scherma | Sci | Tennis | Football | Internazionali di Roma
                    Tour De France | Mondiali Sud Africa 2010 | Poker
tv web | risultati calcio | sportweek
Gazzetta.it, Yahoo Sport, Corriere dello Sport.it, Sport Mediaset, Calciomercato, >, Serie A Calcio