HOME   FOOTBALL USA
Notizie Sportive
Calcio Calciomercato Formula 1 Moto Basket Tennis Ciclismo Nuoto Rugby Pallavolo Altri Sport Poker Rss
Tavecchio, il mese decisivo "Fede e fatica, tutto per i 49ers"
 Leggi i commenti :: Commenta la notizia


Il suo rivale è un (nuovo) amico. Si chiama David Akers, da tanti anni in Nfl. Veterano sì, ma reduce da una stagione spettacolare. Per entrare nei San Francisco 49ers, per sfondare nella Nfl, il "ragazzo italiano che era forte nel soccer" dovrebbe scalzarlo dal ruolo di titolare. O sperare che il Real Madrid della National football league arruoli due kicker, due calciatori per la stagione che va a iniziare. Difficile. Anzi, una impresa. Ma Giorgio Tavecchio, 21 anni, milanese trapiantato negli Usa, forte e umile, simpatico e positivo, vuol dare tutto se stesso per non avere rimpianti. E, se andasse, male in California, per convincere comunque qualche altro grosso team a puntare su di lui. Racconta questo e altro a Repubblica.it (altro servizio su Il Venerdì in edicola), nel mese decisivo per il suo futuro tra i professionisti del grande football. 

LA FEDE - C'è un aspetto particolare nel duro mondo della Nfl. E' la fede. Icona della religiosità è Tim Tebow, ora ai NY Jets, ma con lui sono davvero molti gli atleti credenti. David Akers è sicuramente uno di questi. Giorgio, che lo ha di fronte ogni giorno, lo descrive così: "E' una persona che si dedica agli altri. Se ti vede attraversato da dubbi o momenti di scoraggiamento ti viene a cercare per parlarti e ascoltarti. E lo fa per davvero. E' interessato agli altri, cerca, nel suo piccolo di aiutarli". Akers è uno dei giocatori che si raccoglie in preghiera. Anche Giorgio ha un rapporto con la fede molto intenso. "Può sembrare strano, ma football e fede si chiamano. Quando sei lì da solo in mezzo al campo, con migliaia di persone che ti circondano e il destino di una intera squadra e di una intera stagione può passare da un tuo calcio, beh, devi trovare la forza per esprimerti al meglio. E la fede, se credi, ti può dare molto in quei momenti. Io prego e non sono rare le foto in cui appaio dopo un calcio vincente con le mani protese verso il cielo. Il mio ringraziamento. E' stato bello conoscere Akers, non solo per le sue incredibili qualità di kicker, ma pure per questo aspetto della sua personalità. E' un giocatore che ti ispira". 

IL LAVORO - "Siamo entrati nel mese decisivo e qui il livello, se possibile, si è alzato ancora di più", confessa Giorgio dal camp di Santa Clara dove i 49ers preparano la stagione che partirà ai primi di settembre e nella quale vogliono puntare diritti al Super Bowl. Gli allenamenti si fanno sempre più specifici. Dipende dal ruolo, essenzialmente. "La nostra giornata da rookie è naturalmente più lunga e intensa e per me va benissimo, amiamo il football e ci godiamo ogni momento. Mi alleno sul campo, mi alleno in piscina, mi alleno in palestra. E non mi perdo un meeting con i coach. Va bene così, l'ho detto, non voglio lasciare nulla di intentato".

PLAY STATION E PARTITE A SCOPA COI CAMPIONI - Ma come si convive con i campioni dei 49ers in campo e nei rari momenti di relax? "Sono campioni in tutto. Magari c'è qualcuno più silenzioso e qualcun altro più espansivo ma nessuno manca mai di rispetto agli altri e tutti rispettano i componenti del team, dal primo all'ultimo". Giorgio è stregato dalla abilità di Randy Moss. "E' un ricevitore stratosferico, fa sembrare facili le cose più difficili. Lui è molto estroverso, come altri big ama rilassarsi alla play station e si proclama campione del mondo di Call of Duty". Ma anche Giorgio ha portato qualcosa di extra sportivo nel gruppo: "Già...il gioco delle carte, la scopa. Ho contagiato tutti. E la sera ingaggiamo lunghe partite. Dove si sorride ma tutti restano altamente competitivi, eh...".

LA PRIMA COI VIKINGS - Tra breve scatteranno quelle che i calciofili definirebbero amichevoli (ma nel football non è proprio la parola adatta). "La prima, fra pochi giorni, sarà coi Minnesota Vikings. E qui tutti noi non vediamo l'ora di misurarci col talento degli altri team. Personalmente spero di poter giocare qualche spezzone, effettuare qualche calcio e dimostrare che in questo mondo posso starci". Sarebbe bello vedere il numero 5 con dietro scritto Tavecchio nel campionato più tosto del mondo. Forza Giorgio, la strada è lunga ma la via imboccata è quella giusta.
g.marino@repubblica.it
@jmarino63 
 


Fonte: (Repubblica.it)

 I commenti dei Lettori

Non ci sono Commenti, scrivi il primo.



Nome
Commento
Inserire il risultato della somma visualizzata nell'immagine a sinistra.



 Altri Articoli
 







  Ultimo Video Inserito
Altri video...

  Tieniti sempre aggiornato sul FOOTBALL USA
Notizie sul FOOTBALL USA
Imposta come Home Page
Aggiungi ai Preferiti



  Eventi Sportivi in Streaming

 Site map:  Notizie Sportive | Atletica | Calcio | Risultati Calcio | 90 Minuto | Pronostici | Basket | Formula 1 | Ciclismo | Baseball | Boxe | Golf | Hockey | Ippica | Moto | Pallavolo | Pallanuoto |
                    Vela | Nuoto | Wrestling | Calciomercato | Champions League | Coppa UEFA | Olimpiadi 2008 | Giro d'Italia | Rugby | Scherma | Sci | Tennis | Football | Internazionali di Roma
                    Tour De France | Mondiali Sud Africa 2010 | Poker
tv web | risultati calcio | sportweek
Gazzetta.it, Yahoo Sport, Corriere dello Sport.it, Sport Mediaset, Calciomercato, >, Serie A Calcio