HOME   Formula1
Notizie Sportive
Calcio Calciomercato Formula 1 Moto Basket Tennis Ciclismo Nuoto Rugby Pallavolo Altri Sport Poker Rss
F1, Domenicali: "Andare via? Io non ci ho mai pensato"
 Leggi i commenti :: Commenta la notizia


ROMA - Stefano Domenicali non è il problema della Ferrari. E in futuro le cose andranno meglio. Lunga intervista del team principal di Maranello al quotidiano spagnolo "As", in cui difende quanto fatto in questi anni e rispedisce al mittente le tante critiche nei suoi confronti, a partire da chi vorrebbe che venisse messo alla porta. Perché la Formula Uno non è come il calcio, dove quando le cose vanno male si cambia allenatore. "Io non solo l'allenatore, sono l'amministratore delegato di una società che fa sport. E il caso della Ferrari non è paragonabile a quello di un club di calcio: non è che cacciando Domenicali, domani si vince". "E' chiaro che il mio capo può mandarmi via e se lo facesse sarei sempre grato di essere stato in Ferrari - l'accorata auto-difesa - Ma in Italia c'è un proverbio che dice: 'quando si lascia la strada conosciuta, l'altra può essere peggiore'. Quello che posso garantire è che cerco di dare gli strumenti migliori alle persone che lavorano sulla macchina, che la disegnano, mi occupo della scelta dei piloti, degli sponsor, di far funzionare il sistema. Il mio impegno è totale, sapendo che possiamo essere sostituiti ma non con la logica del calcio. Non è che comprando un difensore o un attaccante vinco il campionato, non è questa la chiave del successo in Formula Uno". Il team principal del Cavallino, insomma, non ci sta a passare per capro espiatorio. "Il problema non è Domenicali, Domenicali è una persona che arriva per prima a lavoro ed è l'ultima a uscire, che si impegna perché non manchi nulla ai suoi uomini".

"MAI PENSATO DI ANDARE VIA" - Cambiare "comporta discontinuità e può essere pericoloso. Prendiamo i piloti: quante volte ho letto in passato 'bisogna cambiare Felipe'. E ora leggo: 'Felipe deve rimanere'. Ci vuole un po' di razionalità". Domenicali confessa che non è facile "quando qualcuno si permette di essere offensivo verso una persona che cerca solo di fare bene il suo lavoro e a casa la sua famiglia legge certe cose, ma cerco di isolarmi e di tenere la mia famiglia fuori da questo gioco". Mai pensato però di andare via. "Sono nato in Ferrari, mi ha dato tanto come io ho dato tanto a questa famiglia. Faccio le cose per passione, perché ci credo ma ora anche per dimostrare, a coloro che hanno il piacere di offendermi, che non capiscono nulla e che prima o poi arriverà il mio momento". Resta il fatto che il 2013 è stato ben al di sotto delle aspettative ma l'uomo forte di Maranello sottolinea due fattori. "Il primo è che all'inizio della stagione avevamo una macchina che non era competitiva nelle qualifiche ma molto buona sul passo gara: a Montmelò le due Mercedes avevano conquistato la prima fila ma noi abbiamo vinto rifilando un minuto a Nico Rosberg e doppiando Hamilton. Ma poi non abbiamo potuto sviluppare la macchina in modo costante, perché sfortunatamente, vedi Silverstone o la Germania, gli sviluppi fatti anziché migliorare la monoposto la peggioravano. Poi c'è stato il cambio delle gomme e non siamo stati capaci di sfruttare la caratteristica migliore che avevamo, cioè la competitività sul passo gara". Una situazione diversa rispetto al 2012, "quando non abbiamo vinto perché siamo stati sfortunati. Se per due volte finisci fuori gara alla prima curva non è perché la macchina è lenta".

"NON AVREMMO RICEVUTO CRITICHE SE LO SCORSO ANNO AVESSIMO VINTO" - In questa stagione, invece, "il rammarico è aver perso punti nella prima parte di stagione, perché potevamo aver fatto di più, e poi non aver sviluppato la macchina come mi aspettavo e come avevo chiesto ai miei tecnici. Quando non si migliora ci sono sempre dei motivi: mancanza di creatività, di strumenti all'altezza per lavorare bene ma in questi tre anni abbiamo praticamente tutto, sistema di simulazioni, software, organizzazione, e ripartiremo con una nuova galleria del vento a Maranello, con tutti gli strumenti che in una F1 così competitiva sono necessari per poter vincere". Domenicali riconosce anche che "negli ultimi anni non abbiamo capito al 100% l'uso degli scarichi con effetto aerodinamico, un problema che ci portiamo dietro da quando esiste questo effetto e che non siamo stati capaci di risolvere del tutto". Ma alla Ferrari c'è un obbligo: vincere. "In un mondo così competitivo, non si vive solo del nome, bisogna fare tutto nel momento giusto e credo che abbiamo completato tutto il quadro per poter, in maniera consolidata, essere molto forti. E poi credo che non avremmo ricevuto tante critiche se lo scorso anno avessimo vinto, ed è stato un anno straordinario pur non avendo la macchina più veloce".

ALONSO: "MONDIALE PERSO A LUGLIO" - Il Mondiale 2013 è evaporato a luglio, quando la Ferrari non è riuscita a crescere come previsto. E' l'analisi di Fernando Alonso, che individua nei passi falsi estivi il momento chiave della stagione. "Il nostro problema è stato lo sviluppo. Non ci siamo adattati alle gomme o non abbiamo compiuto i passi programmati. A luglio, in particolare, siamo arrivati in gara con aggiornamenti che erano validi sulla carta ma non così tanto in pista. Penso che questo abbia rallentato la crescita". Lo spagnolo non collega i risultati del Cavallino all'operato della Pirelli. "Le modifiche apportate alle gomme sono un extra. E' chiaro, alcune squadre hanno perso qualcosa in termini di prestazioni e altre, come la Sauber, hanno guadagnato. Ma la Pirelli ha dovuto effettuare le modifiche perché alcuni pneumatici sono esplosi, non è stata una decisione presa per avvantaggiare un team o l'altro".

 


Fonte: (Repubblica.it)

 I commenti dei Lettori

Non ci sono Commenti, scrivi il primo.



Nome
Commento
Inserire il risultato della somma visualizzata nell'immagine a sinistra.



 Altri Articoli
 







  Ultimo Video Inserito
Ferrari F10 Launch Ceremony
Altri video...

  Tieniti sempre aggiornato sul Formula1
Notizie sul Formula1
Imposta come Home Page
Aggiungi ai Preferiti



  Eventi Sportivi in Streaming

 Site map:  Notizie Sportive | Atletica | Calcio | Risultati Calcio | 90 Minuto | Pronostici | Basket | Formula 1 | Ciclismo | Baseball | Boxe | Golf | Hockey | Ippica | Moto | Pallavolo | Pallanuoto |
                    Vela | Nuoto | Wrestling | Calciomercato | Champions League | Coppa UEFA | Olimpiadi 2008 | Giro d'Italia | Rugby | Scherma | Sci | Tennis | Football | Internazionali di Roma
                    Tour De France | Mondiali Sud Africa 2010 | Poker
tv web | risultati calcio | sportweek
Gazzetta.it, Yahoo Sport, Corriere dello Sport.it, Sport Mediaset, Calciomercato, >, Serie A Calcio